NKE Blog

I livelli di adozione e di penetrazione del BIM nel mondo

I livelli di adozione e di penetrazione del BIM nel mondo.jpg

Gli Stati Uniti sono uno dei paesi dove il BIM è stato utilizzato sin da inizio 2000. Successivamente, nel 2003, la General Services Administration (GSA) ha stabilito il programma nazionale per il 3D-4D-BIM, pubblicando guide che descrivono la metodologia di lavoro nell’industria delle costruzioni. Il GSA ha anche richiesto, a partire dal 2007, l’uso del BIM per la “spatial program validation” al fine di permettere ai team di progettazione di convalidare i requisiti dello “spatial program” utilizzando un metodo più preciso e veloce rispetto all’approccio tradizionale 2D. Allo stesso tempo, tutti i progettisti sono stati incoraggiati dal GSA ad utilizzare modelli BIM 3D e 4D in tutte le fasi di progetto.

Anche il Regno Unito si è concentrato fin da subito sulla comprensione dei legami tra CAD e BIM e nel 2011 il National Building Specification ha annunciato lo sviluppo della National BIM Library per l’industria delle costruzioni del Regno Unito, una libreria digitale di oggetti gratuita e facilmente accessibile online da tutti i professionisti del settore delle costruzioni. Il Governo, inoltre, sta puntando allo sviluppo di standard che consentano a tutti gli attori del processo edilizio di lavorare in modo collaborativo attraverso il BIM.

Nel Nord Europa la tecnologia BIM è attiva dal 2000. La Finlandia già dal 2007 ha imposto l’uso di modelli BIM; in Norvegia l’utilizzo del BIM è obbligatorio per tutti i progetti (costruzione e riqualificazione) promossi dall’ente che gestisce il patrimonio immobiliare dello Stato e parallelamente il governo norvegese promuove costantemente iniziative volte alla creazione e diffusione di formati IFC; in Svezia non è obbligatorio l’uso del BIM per i progetti pubblici, ma molte aziende lo utilizzano da tempo e hanno già investito nella nuova tecnologia.

Sia Francia, che ha lanciato la missione “Mission Numérique Bâtiment” per stimolare l’evoluzione digitale nel settore edile, sia Germania hanno intrapreso azioni per promuovere l’adozione del BIM attraverso gruppi di lavoro governativi ad hoc.

Il BIM diventerà il processo standard per tutti gli edifici e si sta integrando nella legislazione per i contratti pubblici di tutta l’Europa.

La Direttiva 2014/24/EU sugli appalti pubblici esprime in modo chiaro l’indicazione di introdurre il Building Information Modeling all’interno delle procedure di Procurement degli Stati Membri. L’adozione della direttiva prevede che i 28 stati membri incoraggino l’utilizzo del BIM nei rispettivi Paesi per i progetti finanziati con fondi pubblici nell’Unione Europea a partire dal 2016.

video academy bim - nke

Richiedi Informazioni